Lo zaino solare

di Annalisa Teggi

 

Una piccola luce sulle spalle

L’idea è una lampadina, qualcosa che si accende. E una buona idea parte sempre dall’osservazione. Non è campata per aria, piuttosto è ben piantata per terra.
L’idea di Salima Visram ha letteralmente acceso la luce in casa di tanti bambini africani. Questa ragazza ha inventato lo zaino solareThe Soular Backpack, quando era ancora all’università.

Alle nostre latitudini potrebbe ridursi solo all’ultima trovata green. Da noi potrebbe essere una trovata come tante per ricaricare il cellulare facilmente. Per molti villaggi del Kenya è stata una piccola rivoluzione che ha consentito ai ragazzi di studiare a casa loro, dove è raro che le abitazioni siano dotate di energia elettrica.

 

L’energia è nei tuoi passi

Nata nei sobborghi di Mombasa, in Kenya, Salima Visram ha visto migliaia di persone attorno a lei vivere in povertà. «Aver visto coi miei occhi questa realtà mi ha fatto capire che era mia responsabilità usare la mia educazione per il bene del mondo» racconta.

Da Cbc

Guardare è il primo verbo di un buon creativo. Creatività è vedere quello che c’è sotto i nostri occhi, senza essere schiavi dell’abitudine o dei pregiudizi. Due dati si sono offerti alla vista di Salima: nei villaggi più poveri del Kenya i bambini camminano per ore sotto il sole per andare e tornare da scuola; arrivati a casa a sera molti non riescono a studiare perché le loro case non hanno la luce, per molti altri l’unica fonte di illuminazione è il cherosene che è pericoloso e tossico. Il cherosene è anche costoso e grava su bilanci familiari già al limite dell’indigenza:

«Famiglie che campano con un budget giornaliero di 1 dollaro spendono ogni mese il 25% delle loro entrate per il cherosene» dichiara Visram.

Da Betakit

Questi due dati potevano rimanere separati, offrendo spunti per arricchire la narrazione amara e disillusa sulle condizioni pessime dell’educazione nei paesi del terzo mondo. Nella testa di Salima i due dati si sono scontrati in modo creativo, e ne è nata letteralmente un’illuminazione.

Perché non sfuttare positivamente quella camminata faticosa sotto il sole per raggiungere la scuola e per tornare a casa? Lo zaino solare è corredato di un piccolo pannello solare e di una lampada a LED che può essere alimentata con l’energia raccolta durante le camminate. Grazie a questo, addio al cherosene. Il pannello solare dello zaino è in grado di immagazzinare energia sufficiente per dare alla lampada un’autonomia di 3 giorni, ed è perciò perfetto anche per i weekend in cui la scuola è chiusa. Dopo la camminata del venerdì la lampada resta carica fino al lunedì successivo.

Il motto dell’impresa a cui si è dedicata Salima Visram riassume una visione semplice e potente: L’energia è nei tuoi passi

 

“Pensa a fare soldi, non sei Madre Teresa”

All’intuizione è seguita la realizzazione. Salima Visram ha progettato e realizzato il suo zaino solare mentre era studentessa in Canada alla McGill University. Non poteva però proporlo come prodotto da acquistare alle famiglie indigenti africane.

La prima idea imprenditoriale è stata quella di venderlo come zaino in Canada e America. Per ogni zaino acquistato, ne veniva regalato uno a un bimbo del Kenya. Il primo modello è stato messo in commercio nel 2015 ed è stato migliorato nel corso degli anni. Ad esempio, si è notato che le lenti del pannello solare erano fragili e potevano rompersi facilmente se lo zaino veniva buttato a terra (cosa che capita agli studenti di tutto il mondo). Sono state create lenti a prova di caduta.

Dietro l’aspetto più imprenditoriale di quest’idea c’era sempre una premura ideale chiara: senza educazione, non si esce dalla povertà. Però Salima ha dovuto confrontarsi con chi le suggeriva di lasciar perdere l’anelito umanitario e la invitava a puntare tutto sulle ottime prospettive di guadagno del suo zaino solare:

«Quando ho iniziato molti mi dicevano che non ci sarei riuscita, chiesi aiuto a una CEO e lei mi rispose che non potevo fare soldi e insieme fare del bene perché non ero Madre Teresa» ricorda Salima «Ma io non mi sono concentrata sui ‘non farlo’ ho puntato sul ‘sì’».

Da Betakit

 

Genio e mani femminili

Un altro passo importante di questa storia è stata la scelta di spostare la produzione degli zaini direttamente in Africa, affidandola a un gruppo di donne. Al contributo educativo si è aggiunta la prospettiva di offrire lavoro a chi ne ha bisogno.

Con buona pace di chi riduce tutto il pensare e fare alla legge dei dividendi, i circoli virtuosi di chi investe su una creatività a servizio del bene esistono. E sono come i cerchi di un sasso buttato nello stagno, si allargano. I dati sotto i nostri occhi – anche quelli feriti e disastrati – hanno bisogno di uno sguardo come quello di Salima. Ore di cammino sotto il sole, baraccopoli senza luce, donne senza lavoro, avrebbero potuto rimanere ingredienti di una ricetta amarissima. Sole, fatica, mani operose sono cose buone. Guardate alla luce dell’impresa educativa sono ancora più buone.

Mi colpisce soprattutto l’immagine di quella camminata faticosa che si trasforma in luce. La prima cosa che ci viene in mente è che sarebbe bello evitare a quei bambini la fatica di quelle ore sotto il sole. Ma non potendo togliere il peso di questa loro fatica, è ancora più significativo che i loro passi si trasformino in luce. C’è del genio tipicamente femminile in quest’idea? Forse sì, ma senza calcare troppo la mano sulle rivendicazioni rosa.

Sicuramente, da donne, si può essere fiere che una volta in più una piccola storia di cronaca vera ci veda protagoniste di un’impresa in cui uno sguardo attento sul reale faccia fiorire un bene proprio dove c’è fatica, povertà, speranze stritolate.

 

Fonte: Aleteia

 

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi